.
Annunci online

dimensionemorgana
LA BOTTEGA DI SPEZIE... *la vita è un libro pieno di domande, e le risposte si possono trovare soltanto attraverso l'esperienza*


MORGANA *una storia vera*


18 dicembre 2006

MORGANA #06

E così in effetti è stato, il loro amore per quanto sincero, per quanto in effetti sarebbe andato avanti ancora per molto, non era così solido per proseguire realmente. Lei è cambiata molto da quel momento, se prima andava contro tutto e tutti, poi lo ha fatto sempre di più, perchè la consapevolezza di poter accettare una persona con i suoi limiti, pregi, difetti, manie e paranoie, di poterla amare anche oltre la propria vita, di poterla guardare con occhi diversi, di poter condividere tutto ciò che era stata fino ad allora, era una consapevolezza talmente grande e forte da devastarla in tutto... Non pensava di arrivare a questo punto, ma le si era aperto nella testa un panorama troppo grande da poterlo accettare senza che una tempesta si scatenasse dentro... Ritorna ombrosa, si scontra con tutti, per un niente scatta e diventa aggressiva, forse il rifiuto di credere a ciò che le accadeva, alla famiglia contro, che in fondo le aveva sempre messo i bastoni tra le ruote, a come il mondo le appariva dopo quello che cosciamente e inconsciamente viveva, la fanno apparire nuovamente come quando andava alle superiori... Ribelle, eterna sognatrice, delusa del sistema, comincia il divertimento smodato, quasi oltre i limiti. A lei non interessava più nulla. E un po' come quando credi fermamente in una cosa e tutto ad un tratto scopri che quello in cui hai creduto non esiste, è solo immaginazione, è solo frutto della fantasia che ti hanno messo in testa, una bolla di sapone. Ecco! L'unica cosa che la tiene a galla è il fatto che ha un certo spessore, ci mette passione in quello che fa, osserva le persone, studia... e il carattere invidiabilmente forte e testardo... se non fosse stata così non sarebbe sopravvissuta a ciò che le accadde più tardi...




permalink | inviato da il 18/12/2006 alle 23:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


18 dicembre 2006

MORGANA #05

A volte Morgana si domanda se la strada che ha deciso di percorrere sia quella giusta. D'altra parte capita nella vita di tutti noi, di chiedersi se ciò che stiamo facendo ha un senso e se è quello giusto. Verso la fine delle scuole superiori, lei ha trovato l'amore. Fino ad allora non aveva mai concesso la sua anima a nessuno, tutti pensavano di averla toccata e conquistata, ma lei sapeva che nessuno era riuscito a capirla veramente fino in fondo. Però c'era un ragazzo che non si era mai dato per vinto, ed erano anni che la corteggiava. Un giorno lei capisce che questa persona è importante per lei, e insieme cominciano il loro cammino. Lei è sempre stata molto selettiva e intransigente, prima di tutto con se stessa e poi con gli altri, ma questa volta, non lo sa spiegare nemmeno lei, è in grado di essere elastica, comincia a vedere le cose da punti di vista differenti. E soprattutto si accorge che lui è una persona completamente diversa da quello che è lei, ma riesce ad accettarlo comunque. Lei ha capito di amarlo, ma, cosa importante, ha capito fino a dove può arrivare l'amore, il suo amore. Erano giovani, e spesso quando si è così giovani, si sbaglia pensando di fare del bene... e lui pensava di proteggerla quando le diceva che non sarebbe dovuta uscire, perchè troppi l'avrebbero importunata, perchè lui sapeva di avere dei limiti e non capiva che a lei non interessavano, lei li aveva capiti questi limiti, li aveva fatti suoi. Lui poteva stare tranquillo, ma Morgana piaceva a molti, e lui questo non lo sopportava... Il fatto è che nessuno poteva fare di Morgana un sopramobile, un oggetto da esposizione, e nessuno (nemmeno lui) poteva incatenarla... Quando poi ha cominciato a lavorare, dopo un percorso piuttosto difficile, ha conosciuto i nuovi colleghi, un nuovo ambiente, e lui non lo sopportava. Lui la voleva sotto una campana di vetro, Lei era un'anima libera, e il loro amore, forse intramontabile, non sarebbe durato...




permalink | inviato da il 18/12/2006 alle 20:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 dicembre 2006

MORGANA #04

Con il sopragiungere delle tanto attese scuole superiori, Morgana cambia... arrivi ad un punto della vita in cui la tua diversità (che per molto tempo era fonte di dispiacere) ora attrae chi ti sta attorno. Tutti credono di essere forti in classe sua, ma poi quando è ora di dimostrare le loro convinzioni, abbassano lo sguardo verso il pavimento e non danno voce a nulla... Solo lei ha il coraggio di fronteggiare i prof, l'ambiente, le regole. E' lei che comincia a fumare in bagno nonostante il divieto e poi dal bagno si passa direttamente al corridoio. E' lei che quando i prof si schierano politicamente e ti danno i voti in base ai tuoi pensieri policiti e non per i tuoi meriti, tira fuori la rabbia da dentro e va contro il sistema. E' lei che si ribella quando un prof la importuna, quando un'altro non la sopporta e per questo pensa di avere il diritto di stamparle un libro in faccia. Morgana ha capito che il mondo non va come dovrebbe e decide di lottare per quello che le è possibile, per fare giustizia. E alla fine diventa un esempio per tutti. Continua a vestire in modo poco appariscente, spettinata, a volte con i capelli corti e disordinati, altre con i capelli di vari colori, ma la sua testa funziona bene, lotta e dimostra quello che vale, va contro tutti quando si tratta di portare avanti i propri principi e in fondo vince! Vince il sistema, vince sui compagni che soccombono alla società, vince sui prof che abusano della loro posizione... Morgana non sorride mai, ha uno sguardo profondo, quasi felino, uno sguardo di chi ti sta sfidando pensando che non potrai mai batterla... Morgana sorride solo prima si sferrare il suo colpo, prima di torturare il suo nemico, e ride solo quando sa di averlo ucciso. Morgana rifiuta il contatto fisico, non tocca nessuno, non si abbandona a bacetti e smancerie tipiche delle compagne... Morgana è cambiata, a volte sembra che i suoi occhi siano tutti neri, come quelli di un animale, dentro non puoi leggerci nulla, lei non te lo permette...




permalink | inviato da il 14/12/2006 alle 20:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 dicembre 2006

MORGANA #03

L'infanzia è passata senza grandi note, come anche l'adolescenza. Già dalle medie Morgana ha dimostrato di essere diversa... Stava spesso in disparte, non si mescolava mai con gli altri. Non era così carina da colpire alla prima occhiata, e poi si sa, non vestiva firmata, non era oca come le altre, lei leggeva e le altre starnazzavano... Mi viene da ridere a pensare a come lo dice quando me lo racconta... Però osservava. I compagni la prendevano in giro perchè dicevano che era stordita, in realtà lei sapeva molte cose di loro che forse nemmeno si immaginavano. Lei guardava nel profondo dello sguardo, dove sono nascosti tutti i segreti di una persona, lei toccava i loro dolori, sofferenze, disagi, ma non lo diceva... lei percepiva ogni persona, e questo le faceva male. Allora riprendeva il suo libro la sua musica e accettava le regole del gioco che la vedevano fuori dal mondo... I primi amori li ha vissuti come soffi di vento, amava, soffriva, ma guardava sempre avanti, perchè sapeva che quello che non poteva avere nella vita reale poteva averlo nei suoi sogni, dove nessuno poteva raggiungerla... Morgana vive in due mondi, questo dove viviamo tutti e il suo, uno personale, dove entrano in pochi... dove spesso non entra nessuno, ma chi riesce a entrare, ha la possibilità di conoscerla più a fondo e non potrà più farne a meno... in questo mondo però credo siano entrati in ben pochi, forse uno o due, nemmeno la sua famiglia... a volte nemmeno lei....




permalink | inviato da il 14/12/2006 alle 10:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


12 dicembre 2006

MORGANA #02

Abbiamo affrontato insieme i ricordi dell'infanzia. Lei (come me) odiava andare all'asilo! Facendo un'analisi ovviamente con il senno di poi, lei pensa che i giochi che fanno i bambini sono poco educativi. Voi vi domanderete cosa c'è che non va nel giocare a nascondino per esempio. Per lei è il fatto della *competizione*. Ogni gioco prevede che ci siano delle cose da fare e un vincitore assoluto. Questo educa i bambini alla vita futura inculcandogli nella testa che qualsiasi cosa facciano devono essere migliori degli altri. Alla fine l'obiettivo non è il raggiungimento dello scopo iniziale, ma il prevalere sugli altri. In fondo messa così, non ha tutti i torti. E poi cosa ci vuole a contare e cercare??? Infatti ha sempre preferito giocare in modo alternativo. I migliori passatempi erano i Puzzle, i Cruciverba, i giochi da Tavolo e cose sul genere, quelli insomma in cui il cervello doveva funzionare, doveva trovare il metodo migliore per raggiungere la fine, ottimizzazione dei tempi e delle risorse... Una bambina prodigio? No, semplicemente diversa. Non che lei non abbia mai giocato con le Barbie o con il Lego, questo è chiaro. Il fatto era che lei impiegava un sacco di tempo per preparare il gioco: per es. passava ore a sistemare le Barbie, a vestirle o a preparare la loro casa, tutto in ordine e pulito. Oppure passava ore a costruire la casa dei suoi sogni con i Lego, anche questa predisposta per l'ordine assoluto. E il gioco vero e proprio si riduceva a pochi minuti in fondo. Lei guardava distaccata ciò che aveva preparato, sembrava guardare l'infinito e nella sua testa c'era la storia, i personaggi, il film... Niente di diverso dallo normale svolgimento della vita. La coppia si sposava, aveva casa, nascevano i figli, la mamma rimaneva a casa a riassettare e guardare i bimbi e il papà andava al lavoro. Tutto ciò che lei vedeva ogni giorno a casa sua. Storie semplici, ma genuine, di cui lei si nutriva. E da allora è diventata una grande sognatrice, ancora adesso le basta una canzone, uno stato d'animo, una giornata ventosa o con il sole e lei ci costruisce una storia.... una storia che solo lei vede e vive, una storia che le fa male, che le fa cambiare umore, che la rallegra, che la fa crescere. Perchè lei è così, vive in un mondo suo, dove la gente non fa cose diverse da ciò che fa normalmente, solo che ci mette una colonna sonora, espressioni del viso, un tempo atmosferico, sensazioni e sentimenti così forti che lei li fa suoi, li vive fino in fondo e alla fine ha sempre le lacrime....




permalink | inviato da il 12/12/2006 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


11 dicembre 2006

MORGANA #01

Morgana, la conosco praticamente da sempre, e il bello è che porta il mio nome preferito... nel post precedente, quando decido di tenere questo spazio per raccontare la sua vita, per un attimo ne ho avuto un certo timore... invece penso che può essermi utile anche per capire certe cose che mi stanno succedendo nella mia vita... ieri sera parlavo con una persona, una persona che non rischia, forse ha paura di soffrire o di far soffrire, e io gli ho detto che chi non rischia spesso non vive, o si perde un sacco di cose, forse anche fondamentali per la propria esistenza, e alla fine vivi una vita a metà, a metà tra il vedere le cose, provare dei sentimenti, e lasciarli andare via, come un ruscello che scorre fino a valle... lo vedi, ti porta un sacco di emozioni, ma non metti nemmeno la mano dentro per paura che quello che fai possa cambiare il suo corso, quando in fondo, la vita scorre comunque... Morgana, per me, è un esempio di come una persona cerca di vivere la propria esistenza indipendetemente dagli altri, da ciò che pensano o dicono, lei non vive per se stessa, spesso vive più per gli altri, ma vive... Però vuole che questa vita non sia inutile, che non vada sprecata, pensa che qualsiasi cosa, positiva o negativa, che capita nell'esistenza di un essere umano, sia comunque vita. Ti aiuta a crescere, ti aiuta a non sbagliare la prossima volta, e soprattutto ti aiuta a capirti, cosa che per la maggior parte di noi è difficile e inutile. Invece lei pensa che solo conoscendo bene se stessi si può stare bene con gli altri, relazionarsi, capire le persone che vanno e quelle che non vanno... e qui allora, comincia il suo cammino...




permalink | inviato da il 11/12/2006 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


11 dicembre 2006

MORGANA - UNA STORIA VERA -

Gli avvenimenti che caratterizzano la mia vita negli ultimi tempi, mi hanno portato ad una decisione... Questo Blog è stato dedicato ad una persona per me molto importante, Morgana, una persona che forse nessuno conosce ma che è sempre con me, che mi ha aiutato in momenti difficili, che ancora mi aiuta e mi sta vicino, che mi aiuta a superare incertezze e drammi della mia vita... Finora tenuta nel limbo del mio cuore e della mia mente, ho deciso che è giunto il momento di mettere in luce questa persona così meravigliosa, non so fino in fondo quanto questa cosa la disturberà, o che conseguenze potrebbe avere nella mia e nella sua vita, forse nemmeno una, o forse tutte... in realtà non le ho nemmeno chiesto se voleva che la sua vita fosse pubblicata così, ma ho pensato che cmq nessuno la conosce, nessuno l'ha vista, forse qualcuno potrebbe capire qualcosa leggendo, ma di certo nessuno le farà del male... la sua vita per me è fonte di ispirazione, ho bisogno di far sapere la sua storia, perchè c'è bisogno di persone come lei, che sanno rischiare per vivere, che sanno rimanere nell'ombra per capire le persone, che sanno tendere una mano a necessità, che ti segue da lontano perchè a te ci tiene, che sbaglia perchè è un essere umano... che c'è e basta!




permalink | inviato da il 11/12/2006 alle 11:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia           
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Libri
Cinema
Casa Mia
Galleria d'Arte
Poesie
Aforismi
**vicino rompicoglioni**
MORGANA *una storia vera*
Racconti
Curiosità

VAI A VEDERE

ALTRO MIO BLOG
365albe 364tramonti
agente_zerozerorita
aislinn
altro_lato
barbetto (mio fratello)
camera_con_vista
castenasoforever
dilwica
disastro
elestellestannoaguardare
elotta
eternoleoneingabbia
fairy
GIARDINO ZEN
giulatesta
il castello di mirtillangela
ildiariodibubu
il suo blog da Sydney
imperfections
ioesisto
irlanda
jericho
kalispera
lauras
Libri da leggere in METROPOLITANA
mojito
mostro_joe
mylittleword
ombra
pensieri in fuga
persbaglio
saskha
sbloggata
stretto in un angolo
talissia75

LE MIE FOTO
LA MIA LIBRERIA ON LINE
abbonamenti a riviste
bispensiero
che tempo che fa
cibo a 360°
cominciamo bene Augias
disinformazione
internazionale
la Bottega del Caffè (cortesia e qualità)
la repubblica quotidiano
mici miao (la mia passione)
pace & sviluppo (mercato equo solidale)
viaggiagusto

LIBRI LETTI NEL 2008
LIBRI LETTI NEL 2007
LIBRI LETTI NEL 2006




Locations of visitors to this page

Grazie per le visite!

CERCA