.
Annunci online

dimensionemorgana
LA BOTTEGA DI SPEZIE... *la vita è un libro pieno di domande, e le risposte si possono trovare soltanto attraverso l'esperienza*


Diario


20 agosto 2008

LO SAPEVATE CHE @04 *CIBI +40°*

ALIMENTAZIONE Con le alte temperature, aiutano le vitamine B, il magnesio e i carboidrati leggeri.
Metti un giorno qualunque, quando il calendario segna estate e i venti e le piogge autunno. Metti il giorno seguente: l'aria si satura di umidità mentre il termometro schizza vertiginosamente in alto. Ormai è un leitmotiv: colpa anche del global warming, che sta sovvertendo qualsiasi regola climatica. A farne le spese è l'organismo, che paga in termini di disturbi estemporanei la vorticosa altalena degli sbalzi termici e i disagi di un clima talvolta "tropicale" vissuto in città inquinate. "Particolarmente significative sono soprattutto le onde di calore, che oltre a mettere a rischio i soggetti più fragili, hanno conseguenze su tutti, con ipotensione, respiro corto, senso d'oppressione, affanno", dice Vincenzo Condemi, bioclimatologo medico, Università di Milano. (Per saperne di più: www.naturmed.unimi.it/meteolab.html). Che incalza. "È più difficile concentrarsi e, la sera, addormentarsi, soprattutto quando le temperature minime notturne non scendono per nessun motivo sotto i 23-24 gradi. Una situazione particolarmente impegnativa per il sistema di termoregolazione, che ha difficoltà a riportare l'equilibrio termico, con conseguenti difficoltà per il riposo e l'ottimale riassetto di diverse funzioni biologiche". Calibrare la dieta aiuta a sostenere l'organismo dagli shock climatici e termici. Il via libera va ai pasti leggeri e nelle ore meno calde. Bere molto, ovvio, anche quando non si avverte lo stimolo della sete e soprattutto se si fanno sforzi fisici. No agli alcolici, che "bruciano" il magnesio, essenziale per muscoli e cervello, e ostacolano la vitamina B1, energetica. A colazione: meglio il tè, antidoto alla pressione bassa, e frutta fresca, rivitalizzante. "L'importante è non sbilanciare troppo la dieta: sì a tanta frutta e verdura, ma mantenere anche una regolare introduzione di carboidrati complessi - pasta e riso - per assicurarsi il giusto livello d'energia psicofisica e, la sera, per conciliare il sonno", dice Massimo Cocchi, presidente dell'Associazione Ricercatori Nutrizione e Alimenti. "Aiuta anche alzare lievemente l'apporto di proteine nobili - pesce, latte, uova, carni bianche - perché intervengono nel processo di produzione di particolari sostanze che l'organismo produce per difendersi dallo shock termico indotto dai raggi solari", dice Cocchi. Ancora: per potenziare la resistenza, servono alimenti "ergogeni", come i cereali integrali, tra cui miglio e avena, con vitamine B che sono antistress, insieme a riso e orzo, rinfrescanti. Per un pranzo veloce: sì a un panino vegetariano o a uno yogurt light, con proteine che a livello cerebrale alzano il tasso di noradrenalina, neurotrasmettitore della "carica".
di Claudia Bortolato

Tutte le regole per idratare l'organismo
Propoli, che combatte depressione e stanchezza e inibisce l'effetto dell'acido lattico sui muscoli. Sali di potassio, magnesio, sodio e tanta acqua minerale naturale: indispensabili per prevenire crampi e altri disagi da disidratazione, "colpi di calore" compresi.
Per le crisi ipotensive, con capogiri, stanchezza accentuata: non saltare i pasti, soprattutto la prima colazione, per dare subito al corpo il giusto apporto di energie e introdurre ogni tanto e in miniporzioni qualche cibo salato, come prosciutto crudo, formaggi stagionati, tonno in scatola.
Per parare i colpi delle ondate di calore preferire, in generale, le cotture meno aggressive (vapore o cartoccio, per esempio) e, con le dovute precauzioni igieniche, le crudità. Più la temperatura di cottura è elevata, infatti, più il cibo perde acqua, a scapito dell'idratazione, e parte delle sostanze più preziose, come le vitamine del gruppo B, la vitamina C, la PP e l'acido folico, termolabili. Fondamentale anche la temperatura con la quale il cibo arriva all'organismo. "Vietati gli eccessi: i cibi troppo caldi aumentano la vasodilatazione e la temperatura corporea, quelli ghiacciati in un corpo surriscaldato accentuano o predispongono a gastriti e congestioni", conclude Massimo Cocchi.




permalink | inviato da la bottega di spezie il 20/8/2008 alle 12:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 682358 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Libri
Cinema
Casa Mia
Galleria d'Arte
Poesie
Aforismi
**vicino rompicoglioni**
MORGANA *una storia vera*
Racconti
Curiosità

VAI A VEDERE

ALTRO MIO BLOG
365albe 364tramonti
agente_zerozerorita
aislinn
altro_lato
barbetto (mio fratello)
camera_con_vista
castenasoforever
dilwica
disastro
elestellestannoaguardare
elotta
eternoleoneingabbia
fairy
GIARDINO ZEN
giulatesta
il castello di mirtillangela
ildiariodibubu
il suo blog da Sydney
imperfections
ioesisto
irlanda
jericho
kalispera
lauras
Libri da leggere in METROPOLITANA
mojito
mostro_joe
mylittleword
ombra
pensieri in fuga
persbaglio
saskha
sbloggata
stretto in un angolo
talissia75

LE MIE FOTO
LA MIA LIBRERIA ON LINE
abbonamenti a riviste
bispensiero
che tempo che fa
cibo a 360°
cominciamo bene Augias
disinformazione
internazionale
la Bottega del Caffè (cortesia e qualità)
la repubblica quotidiano
mici miao (la mia passione)
pace & sviluppo (mercato equo solidale)
viaggiagusto

LIBRI LETTI NEL 2008
LIBRI LETTI NEL 2007
LIBRI LETTI NEL 2006




Locations of visitors to this page

Grazie per le visite!

CERCA